Il mondo della Mixology e del buon bere è incarnato alla perfezione dal modo di fare frenetico ed ammiccante dei bartender, figure di spicco della movida notturna in grado di creare in pochi minuti mirabolanti mix alcolici capaci di dare il LA alle nostre serate scatenate.

 

Proverò oggi a trasformarmi per voi in una di loro per condurvi attraverso la scoperta del VII Hills Italian Dry Gin, considerato da molti a buon diritto uno dei migliori gin italiani.

 

VII Hills Italian Dry Gin, una storia Made in Italy

L’idea di un gin nostrano doc nasce dall’incontro di due ragazzi italiani al Mr Fogg, uno dei migliori locali di Londra. Qui Danilo Tersigni e Filippo Previer hanno deciso di creare il primo Italian Dry Gin  distribuito all’estero dopo la chiusura della distilleria Sarti negli anni ‘60.

E’ un omaggio all’Italia e alla sua terra, e si ispira alle tradizioni culturali e culinarie dell’Antica Roma. E’ difatti ottenuto con botanicals italiane – le sette erbe e spezie che crescono sui sette colli che avvolgono Roma, lavorate e amalgamate sapientemente in una miscela versatile e delicata.

Il risultato è un distillato aromatico e fruttato, ricco, morbido, di buona persistenza olfattiva. Ottimo da solo e perfetto per il Negroni. Al naso risulta leggermente aggrumato, mentre al palato presenta dolci note di melograno e sentori di camomilla romana bilanciati dalla freschezza del sedano.

 

Drink Kong, “l’instinct bar” della Capitale

Diventato in pochi mesi dall’apertura uno dei punti di riferimento della Capitale, il Drink Kong è il cocktail bar di Patrick Pistolesi. 300 metri quadri, 4 sale, ognuna con un’atmosfera differente. Locale in stile Blade Runner, dall’atmosfera dark a metà tra la metropoli distopica orientale e la New York anni ’80.

Si definisce come un instinct bar e ne fa la sua peculiarità: ai clienti viene richiesto di esprimere una preferenza tra bitter, dry o sweet taste, ed il drink viene preparato seguendo tali indicazioni da un team di esperti bartender .

Al suo interno è stato inaugurato poco tempo fa, una Japanese Room Ukiyo ispirata agli “hidden bar” di Tokyo, con la boiserie alle pareti di originale ciliegio giapponese, e con al centro un tavolo sociale che può ospitare fino a 10 persone. Ukiyo in giapponese significa letteralmente “il mondo galleggiante”.

Cocktail-Confidential a base di VII Hills

Nella splendida ed avvolgente Japanese Room è avvenuto il percorso sensoriale al quale ho preso parte alla scoperta del mondo della mixology presieduto da Gabriele Manfredi e Federico Leone, Global Ambassadors VII Hills. Un’occasione unica per conoscere segreti del settore e del gin italiano in particolare, incentrato sulla sinergia con il cibo.

Federico Leone

La degustazione si snoda attorno a 3 cocktail tutti a base VII Hills Italian Dry Gin abbinati a piatti della cucina tradizionale italiana, serviti agli ospiti direttamente da Gabriele Manfredi, che oltre ad essere ambasciatore VII Hills è anche barman molto noto nell’ambiente di Londra dove vive e lavora.

Gabriele Manfredi al Drink Kong, VII Hills
Gabriele Manfredi

Ecco quali sono :

  • Windy, servito con carciofo alla romana
    VII Hills Italian Dry Gin
    Citrus
    Floreal soda
Aperitivo - Windy - VII Hills - Drink Kong
Windy
  •  Harmony, servito con pasta ai sapori di VII Hills Gin e formaggio
    VII Hills Italian Dry Gin
    Salty kombucha
Harmony - VII Hills - Drink Kong
Harmony
  • Dolce Principe di Piemonte, servito con gelato al sedano
    VII Hills Italian Dry Gin
    Sweet vermouth
    Bitter
    Gianduia
    Tartufo
Principe di Piemonte - VII Hills- Drink Kong
Principe di Piemonte

 

Indirizzo: Piazza di S. Martino Ai Monti, 8, 00184 Roma RM