“Da Duchamp a Cattelan. L’Arte Contemporanea sul Palatino”

Un razzo spaziale che fluttua tra le rovine della Roma Imperiale, una nuvola in tulle rosa sospesa sopra un arco dell’acquedotto Claudio, ombrelloni sparsi su un prato come su una spiaggia, una casetta in bilico con una porta spalancata nel vuoto: l’arte contemporanea conquista il Palatino, incuriosendo i turisti in visita sullo storico colle di Roma.

“Sei ombrelloni” – Mario Airò
“Space Rendez-vous” – Christian Philipp Muller

Sono oltre 100 le opere selezionate tra grandi installazioni, sculture, dipinti, fotografie e opere su carta di artisti provenienti da 25 nazioni, ed esposte per l’occasione all’interno della mostra “Da Duchamp a Cattelan – l’Arte contemporanea al Palatino” dal 28 giugno al 29 ottobre 2017, a cura di Alberto Fiz.

“Nuvola Rosa” – Denis Santachiara
Michelangelo Pistoletto

Situata presso uno dei siti archeologici più prestigiosi ed affascinanti della Roma Antica, una sfilata di grandi nomi quali Michelango Pistoletto, Marcel Duchamp, Marina Abramovic, Mario Schifano, Allan McCollum che affiancano artisti delle ultime generazioni come Maurizio Cattelan, Cai Guo-Qiang, Paul McCarthy, o Vedovamazzei, ai quali si aggiungono i lavori realizzati appositamente per la mostra da parte di designer ed architetti specializzati come Ugo La Pietra, Gianni Pettema e Denis Santachiara.

“Service for the Biennal” – Cai Guo-Qiang
“After Love” – Vedovamazzei
“Bear Sculpture” – Paul McCarthy

L’esposizione segue tre tematiche fondamentali: le Installazioni Architettoniche in situ che ci fanno riflettere sull’interconnessione tra archeologia e modernità, ed il senso del tempo; le Mani, fotografate, disegnate, dipinte, scolpite, come simbolo della comunicazione; ed infine i Ritratti , simbolo dell’identità.

“Dice-non-Dice” – Gianluca Codeghini

In questa mostra – spiega il curatore Alberto Fiz – la Storia è vissuta come spazio di riflessione in un allargamento progressivo della prospettiva”. Non si tratta quindi di fare diventare il Palatino come uno spazio adibito ad ospitare permanentemente eventi di Arte ma di offrire al visitatore una chiave di lettura nuova relativamente a siti tradizionalmente considerati di interesse archeologico.

“Perfect Vehicles” – Allan McCollum

Tutti i lavori provengono dal museo Alt – Arte Lavoro Territorio, fondato dall’architetto Tullio Leggeri, uno dei più importanti collezionisti italiani. A rendere davvero unico e speciale l’evento anche in senso civico, è infine prevista l’apertura occasionale al pubblico di alcune aree del Palatino come la Domus Augustiana, lo Stadio Palatino e le terrazze Severiane.

“Gli occhi di Segantini” – Luca Vitone

 

Informazione Utile :
Palatino contemporaneo.
Da Duchamp a Cattelan.
Arte contemporanea sul Palatino

Data inizio
Mercoledì 28 Giugno 2017

Data fine
Domenica 29 Ottobre 2017

Foro Palatino
Via di San Gregorio, 30
00184 Roma

Biglietto intero: € 12,00
Biglietto ridotto: € 7,50

Saperne di più sul sito :  Electa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *